Farmaci antinfluenzali: quando prenderli e a cosa servono

Farmaci antinfluenzali: quando prenderli e a cosa servono
Rimedi per la Salute farmaciairis

Farmaci antinfluenzali

Quali sono i trattamenti più efficaci per l'influenza? Che cosa può alleviare i sintomi e ridurre il tempo in cui si manifestano? La scelta dei farmaci antinfluenzali dipende molto dai sintomi, se ad esempio si soffre di congestione nasale o sinusale può essere utile un decongestionante, disponibile sotto forma di spray. In caso di prurito o lacrimazione degli occhi potrebbe essere utile un antistaminico che blocca l’effetto dell’istamina e allevia la secrezione nasale e gli starnuti. Nella scelta di farmaci da banco è bene sempre fare attenzione ai componenti, soprattutto se si prendono altre medicine con le quali possono interagire, consultare prima il medico o il farmacista per scegliere il trattamento più adatto.

Farmaci antinfluenzali da banco

Il comune raffreddore e l'influenza sono infezioni causate da virus del sistema respiratorio superiore: naso, bocca, gola e polmoni. Lavarsi spesso le mani, riposare a sufficienza, mangiare sano, bere molti liquidi e soprattutto evitare il contatto ravvicinato con le persone ammalate può aiutare a ridurre le possibilità di contrarre l’influenza o il raffreddore ma se nonostante tutto ci si ammala, i farmaci antinfluenzali possono alleviare sintomi.
Quelli più comuni, oltre febbre e tosse, sono mal di testa, gola infiammata, rinorrea, stanchezza e la perdita dell’appetito.

Quando l’influenza peggiora e aumenta la febbre, il respiro si fa affannoso e la tosse persistente, i medicinali da banco sono indispensabili. Decongestionanti, antistaminici, analgesici/antipiretici, sedativi ed espettoranti: la scelta deve essere mirata. Per alleviare la febbre e il dolore va anche l’aspirina, l'ibuprofene o il paracetamolo, anche in questo caso consultarsi con il farmacista prima dell’acquisto.

Bere molti liquidi e fare gargarismi con acqua salata (realizzati combinando una tazza di acqua calda e un cucchiaino di sale) può essere utile per alleviare il dolore del mal di gola. Anche gli antidolorifici da banco, le pastiglie e i gargarismi medicati possono lenire temporaneamente il mal di gola ma se dopo un paio di giorni non passa, chiamare il medico perché potrebbe trattarsi di un’infezione batterica che va trattata con antibiotici. Da ricordare sempre che gli antibiotici trattano solo le infezioni batteriche, non possono alleviare i sintomi influenzali, anzi l'assunzione inutile di antibiotici può aumentare il rischio di contrarre in seguito un'infezione che resiste al trattamento antibiotico.

Farmaci per influenza e raffreddore

Tachifludec polvere limone e miele, trattamento sintomatico dell’influenza, del raffreddore e degli stati febbrili e dolorosi ad essi correlati, con azione decongestionante sulle prime vie aeree superiori.

Vicks Flu tripla azione, bustine per il trattamento sintomatico a breve termine del dolore da lieve a moderato, febbre, congestione nasale con effetto espettorante in caso di tosse grassa, associato a raffreddore, brividi ed influenza. Contiene Paracetamolo.

Farmaci antivirali per influenza

I farmaci antivirali contro l'influenza vengono assunti per diminuire la gravità e la durata dei sintomi e vanno concordati con un medico, la maggioranza ha infatti bisogno di una prescrizione. La prima dose deve essere assunta entro 48 ore dalla comparsa dei sintomi, per le persone a più alto rischio, neonati, anziani, malati cronici e donne in gravidanza, persone con un sistema immunitario debole a maggior ragione si raccomanda un trattamento tempestivo. Segni e sintomi influenzali possono includere febbre, tosse, mal di gola, naso che cola o chiuso, dolori muscolari, mal di testa, brividi e affaticamento.

I farmaci antivirali non sono un sostituto del vaccino antinfluenzale che resta il modo migliore per aiutare a prevenire l'influenza stagionale e le sue complicanze potenzialmente gravi. Tutti i bambini di età pari o superiore a 6 mesi dovrebbero fare il vaccino antinfluenzale ogni anno.

Farmaci per influenza senza febbre

I sintomi dell'influenza spesso imitano i sintomi del raffreddore con congestione nasale, tosse, dolori e malessere generale. Con il comune raffreddore raramente si ha una temperatura superiore ai 37°, con i sintomi influenzali probabilmente la temperatura corporea è più elevata e fanno presto la loro comparsa dolori muscolari e articolari.

Fluimucil influenza e raffreddore, ha funzione antipiretica e analgesica, contiene paracetamolo. E’ indicato nel trattamento dei sintomi influenzali e parainfluenzali come mal di testa e congestione nasale.

Vivinduo febbre e congestione nasale, granulato per soluzione orale, è un trattamento dei sintomi del raffreddore e dell’influenza, principio attivo Paracetamolo.

NeoNisidina C, compresse effervescenti contenenti acido acetilsalicilico, paracetamolo e vitamina C, adatto per il trattamento dei sintomi dell'influenza e delle sindromi da raffreddamento. Trattamento sintomatico di mal di testa, nevralgie, mal di denti, dolori mestruali e dolori articolari

Farmaci per raffreddore bambini

In genere il raffreddore nei bambini non causa gravi complicazioni e la maggior parte di loro migliora dopo qualche giorno senza bisogno di medicine. In effetti non esiste una cura per il comune raffreddore, un'infezione virale non può essere trattata con antibiotici. Per i bambini più grandi, alcuni medicinali senza prescrizione possono aiutare ad alleviare i sintomi ma non cambieranno di molto il decorso naturale del raffreddore né lo faranno scomparire più velocemente. La tosse è un normale sintomo del raffreddore e aiuta il corpo a liberare il muco dalle vie aeree e proteggere i polmoni ma in genere bere molti liquidi, in particolare bevande calde per lenire la gola, è il migliore trattamento non farmacologico per questo problema.

Alcuni sintomi più seri richiedono il consulto di un medico, tra questi la febbre nei neonati la febbre molto alta nei ragazzi di qualsiasi età. Stesso discorso per il respiro affannoso, sibilante, per inappetenza o la difficolta a bere con segni evidenti segni di disidratazione (come diminuzione della minzione), l’eccessiva irritabilità la sonnolenza, il dolore all'orecchio.

Buona norma per alleviare i sintomi è l’uso di un vaporizzatore o un umidificatore vicino al letto del bambino che riduce l'essiccazione delle vie nasali e della gola.

Per i neonati con naso chiuso utilizzare gocce o spray salini o di acqua salata per inumidire i passaggi nasali e sciogliere il muco, il naso dei più piccoli può essere pulito pure con una siringa a bulbo o un altro strumento di aspirazione progettato per questo scopo.

Tra i farmaci l'ibuprofene riduce la febbre e i dolori, attenzione ad utilizzare la dose corretta consultando un medico e seguire attentamente le indicazioni in etichetta utilizzando lo strumento di dosaggio che viene fornito nella confezione del medicinale.

Foto di JESHOOTS.com da Pexels